Maria Grazia e Gianmichele

23 LUGLIO 2016 – Matrimonio a Polla (SA)

Il Matrimonio a Polla

Tra i reportage nuziali più divertenti che Un Altro Matrimonio ha realizzato c’è senza dubbio il matrimonio di Maria Grazia e Gianmichele a Polla, in provincia di Salerno: due sposi giovani ed allegri, antichi luoghi storici da fotografare e un ricevimento che è stato un party senza fine.

I preparativi di Maria Grazia e Gianmichele

Un giorno così importante non poteva che iniziare dal mattino, nelle abitazioni dei futuri sposi. A casa di lei a Caggiano, paese arroccato su un rilievo dell’Appennino Lucano, abbiamo colto i momenti più intimi dei preparativi e gli sguardi complici con la famiglia durante il trucco e la vestizione. A casa di lui a Polla, d’altro canto, il rito della preparazione è stato ugualmente rispettato e Gianmichele ha pensato ad ogni dettaglio per un look che fosse memorabile: abito da sposo in broccato blu, cilindro e bastone.

Il sì nella Chiesa Madre di Caggiano e il Parco dei Mulini a San Pietro al Tanagro

La cerimonia è stata officiata nella Chiesa del S.S. Salvatore, Chiesa Madre di Caggiano, nel centro del paese e risalente a poco dopo il Mille.
Ancora oggi la sua lunga navata ed il soffitto a volta dipinto a cassettoni, in parte ancora visibili, trasmettono in chi li ammira solennità e raccoglimento.
Dopo aver pronunciato i voti, gli sposi ci hanno portato fino al Parco dei Mulini a San Pietro al Tanagro, una vallata che si estende per ettari tra due versanti montuosi ed è attraversata dal torrente Setone. Luogo prediletto da chi ama i sentieri naturali, qui Maria Grazia e Gianmichele hanno voluto gli scatti più rappresentativi del loro servizio fotografico nuziale, per rappresentare il percorso di vita che inizieranno insieme.

Una festa senza soste al Paon Doré

Breve è stato invece il percorso fino alla location del ricevimento, il Ristorante Paon Dorè a San Pietro al Tanagro. Il Parco-giardino della villa ha accolto gli sposi e i loro invitati per un a festa che tra balli, brindisi e risate è continuata fino a notte fonda, mettendo a dura prova anche dei fotografi instancabili come noi!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *